Archivi per la categoria ‘Il divorzio in europa’

il Divorzio.eu

IlDivorzio.eu è il blog tematico sul tema del divorzio in Italia e in Europa dello Studio Legale Imperia dell’Avvocato Stabilito Abogado Imperia Alessio Iscritto all’Ilustre Colegio de Abogados de Madrid e avvocato stabilito nel foro di Milano.

Le informazioni contenute non sono aggiornate con regolarità e non rappresentano consulenza legale per la quale è consigliato rivolgersi a un legale di fiducia.

Per informazioni visitare il nostro sito ufficiale.

Giurisprudenza spagnola sul divorzio: assegno di mantenimento

Con la sentenza interlocutoria del 22 de diciembre de 2008, il Tribunale Costituzionale spagnolo si è pronunciato sull’ illegittimità dell’assegno di mantenimento  se non confermato nella sentenza di divorzio.

Nel caso di specie la ex moglie aveva chiesto l’erogazione dell’assegno di mantenimento anche se lo stesso non era stato previsto nella sentenza di divorzio. Il tribunale costituzionale ha affermato pertanto che le misure del divorzio sostituiscono nella loro integrità quelle della sentenza di separazione e pertanto la ricorrente non possiede alcun titolo esecutivo.

Il divorzio in Irlanda

il divorzio in irlanda

Per ottenere il divorzio in Irlanda è necessario ottenere un decree of divorce da un tribunale irlandese ed è necessario:

  • i coniugi abbiano tutto separatamente per almeno quattro dei cinque precedenti anni
  • che sia fallito il tentativo di riconciliazione
  • che i coniugi abbiano deciso in merito alla divisione dei propri beni
  • è coniuge siano entrambi domiciliati in Irlanda o che vi abbiano risieduto nell’anno precedente al momento dell’istanza di divorzio.

Per ottenere un divorzio consensuale e necessario passare attraverso quattro fasi:

  1. fase documentale: è necessario redarre il”Civil Bill” ovvero l’esposizione dei fatti, “Affidavit of Means”ovvero il  dettaglio dei beni posseduti, “Affidavit of welfare” per chiarire al giudice la situazione riguardo ai figli, “Solicitor certificate” ovvero certificato che dimostri la fallita conciliazione dei coniugi per mezzo degli avvocati.
  2. Deposito dell’istanza di divorzio
  3. notifica al convenuto
  4. consenso al divorzio: il convenuto può compilare un modulo che attesta il consenso al divorzio in modo da velocizzare il procedimento di minimizzare i costi legali.

IL DIVORZIO IN INGHILTERRA E GALLES

Per ottenere  il divorzio in Inghilterra o Galles è necessario compiere diversi step.

Questi passaggi possono impiegare quattro mesi in caso i due sposi concordino sulle ragioni del divorzio, sull’affidamento dei figli, sugli accordi patrimoniali. In assenza di consensualità il divorzio può diventare più lungo.

Normalmente l’iter del divorzio si divide in quattro fasi:

  • ragioni concordi del divorzio: per divorziare occorre provare in tribunale le motivazioni per le quali il matrimonio non può continuare ad esplicarsi.
  • Compilazione dell’istanza di divorzio: per instaurare il giudizio di divorzio è necessario compilare “La petizione  di divorzio”
  • richiesta del decreto “nisi”: se i coniugi hanno concordato sulle motivazioni del divorzio possono richiedere il “decree nisi” ovvero un documento che attesta il nulla osta da parte del tribunale all’ottenimento del divorzio.
  • ottenimento del “decree absolute”: il “decree absolute” è il documento che ufficialmente decreta il divorzio. È possibile richiedere il “decree absolute” sei settimane e un giorno dopo l’ottenimento del “decree nisi”.Se colui che ha iniziato il divorzio tarda nella richiesta del decree absolute, l’altro coniuge può chiederlo 3 mesi dopo (oltre le predette sei settimane).

È possibile divorziare in Inghilterra e Galles per chi non ha contratto le nozze in questi paesi se il matrimonio è legalmente riconosciuto e si sia una permanente abitazione in Inghilterra Galles.

Si può affermare che in assenza di conflittualità il divorzio in Inghilterra è abbastanza rapido potendosi concludere in circa 6 mesi.

 

I DIVORZI “RAPIDI” IN SPAGNA

I divorzi rapidi in Spagna.

avvocato separazione divorzio

avvocato separazione divorzio

La legge sul divorzio express, ha introdotto in Spagna la possibilità di ottenere dei divorzi consensuali in tempi molto rapidi. La legge di riferimento è la Ley 15/2005.

Per ottenere i così detti “divorzi rapidi” (anche comunemente chiamati “il divorzio express”o “il divorzio al vapore”)è necessario soddisfare alcuni requisiti:

–          consensualità della volontà di divorziare

–          matrimonio celebrato da almeno tre mesi

–          domicilio all’interno del territorio spagnolo o legge spagnola applicabile secondo i principi di diritto internazionale privato

–          Non è necessaria una previa separazione

–          Non è necessario palesare le motivazioni del divorzio

I passi propedeutici all’ottenimento del divorzio sono:

–          La redazione del Convenio Regulador, ovvero la stesura del regolamento di separazione con il quale si determinano:

a)      l’affidamento di eventuali figli

b)      l’assegnazione della casa coniugale

c)       l’addebito di eventuale assegno divorzile

d)        istanza di divorzio al tribunale competente

e)         udienza di comparizione per la rettifica del Convenio Regulador

f)        emanazione della sentenza di divorzio

DIVORZIO IN EUROPA

In Europa le procedure di divorzio sono talvolta molto diverse tra Stato e Stato. Visto il crescere del numero dei matrimoni così detti transfrontalieri, il legislatore comunitario ha ritenuto necessario implementare le norme di diritto privato internazionale di ogni singolo stato con apposite direttive e regolamenti.

L’istanza di divorzio o di separazione legale può essere presentata congiuntamente da entrambi i coniugi, come domanda congiunta o consensuale, oppure da un solo coniuge.

Il regolamento CE n.2201/2003 stabilisce i criteri di competenza,riconoscimento ed esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale, abrogando il regolamento ce 1137/2000.

Il suddetto regolamento non stabilisce quale legge nazionale i tribunali dovranno applicare al divorzio. In taluni casi, infatti, i tribunali di uno Stato membro si trovano a dover applicare la legge di un altro paese. Ciò dipende dalla normativa nazionale di ogni Stato membro (in attesa dell’entrata in vigore del regolamento N. 1259/2010)