SEPARAZIONE CON ADDEBITO

aprile 20, 2012 :: Posted by - admin :: Category - Il divorzio in italia

Separazione con addebito.

Il secondo comma dell’articolo 151 del codice civile prevede la possibilità per il giudice di addebitare la separazione a uno dei due coniugi, ove ve ne ricorrano le circostanze e sia richiesto, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio.

In caso di addebitabilità della separazione, il giudice decide se al coniuge economicamente più debole spetta l’assegno di mantenimento o soltanto l’assegno alimentare.

Ai fini della richiesta di separazione con addebito  non è sufficiente che uno dei coniugi o entrambi abbiano tenuto comportamenti contrari ai doveri che derivano dal matrimonio, ma è imprescindibile provare un nesso di causalità fra tali comportamenti e la sopraggiunta intollerabilità della convivenza (si veda in proposito Cass. N.7630 del 14 Agosto 1997).

Se quindi uno dei coniugi ha tenuto un comportamento riprovevole, esso non è sufficiente a determinare l’addebito della separazione, dovendo il giudice esaminare anche la condotta dell’altro.

Si prenda ad esempio il tipico caso di abbandono del tetto coniugale.Se esso è ingiustificato sarà molto probabilmente causa di addebito della separazione, ma se fosse  stato causato da gravi maltrattamenti subiti dal coniuge allora potrà al contrario essere giustificato.

Tags: , , , , ,

Leave a Reply